E poi… quando un malcapitato, per sbaglio o per pura curiosità umana, risponde al messaggio del networker, quest’ultimo inizia a tirare la corda verso di sè.

“Business fantastico, ti dovresti iscrivere. Vedo che sei in gamba, otterresti ottimi risultati ecc… “ 

“T’interessa? Vuoi entrare? Non ti costa nulla provare!”

Solo che più tira la corda e più la resistenza dall’altra parte aumenta.

trappola 22 network marketing

Più resistenza trova e più il networker si convince che deve tirare ANCORA PIU’ FORTE verso di sè…

… perche gli hanno messo in testa l’idea MALATA che se l’altra parte fa delle obiezioni vuol dire che, sotto sotto, c’è qualche forma di interesse.

Dopo tutta questa INUTILE lotta il risultato finale è che entrambe le parti saranno sfinite.

Il potenziale distributore non entrerà nel business e il networker avrà buttato nel water un’infinità di tempo.

Ma il networker non conosce (e non ha nemmeno avuto il tempo di conoscere perchè incastrato nel circolo vizioso) altri metodi per vendere l’opportunità di business e ricomincia il gioco della corda con un’altra persona. 

E se per caso, ma veramente per caso, gli venisse in mente la “malsana idea” di guardarsi intorno se c’è qualche formazione al di fuori di quella aziendale, gli dicono che è una “cattiva persona” e che fino a questo momento è solo stato particolarmente sfortunato avendo beccato gente sfigata che non vuole uscire dalla “zona di comfort”.

Se noti, anche se il networker pensa di avere tante scelte davanti a sè, egli è incastrato in un DOPPIO circolo vizioso (vedi l’immagine qui sotto).

 

Ti rendi conto di che tranello stiamo parlando? 

Perfido, no?

Non riuscendo a vendere l’opportunità di business e i prodotti, si scatenano un’altra serie di conseguenze negative.

Lo scetticismo in famiglia sale alle stelle, frasi del tipo…

“Ok, ci hai provato e noi siamo stati zitti e buoni. Ma adesso hai visto anche tu che non funziona. E’ ora di smetterla!” 

… diventano l’ordine del giorno.

Più i giorni passano più il networker si accorge di essersi trasformato per gli amici in quello che vende “robe strane” e di conseguenza viene evitato come la peste ogni volta che cammina per strada.

All’improvviso si sente come Adamo ed Eva dopo aver mangiato il frutto proibito – apre gli occhi e si vede nudo, ridicolo e proverà vergogna.

Allora il networker si affligge e si demotiva, inizia a pensare di non essere adatto a questa attività e forse anche ad altre attività commerciali.

Il risultato è una totale perdita di fiducia in se stesso… e come affermano molti psicologi e guru della crescita personale – quando una persona perde fiducia in se stessa… allora possono capitare tutte le cose peggiori… è come essere sprovvisti di un sistema immunitario.

Ma se stai leggendo questo articolo sicuramente ti stai domandando…

 Esistono delle strategie che mi permettono di uscire da questo tranello, promuovere il mio prodotto/business senza far sentire le altre persone dei burattini, abbattere completamente le loro barriere di difesa naturali e poter finalmente scalare il piano compensi? 

Certamente.

Andiamo per gradi.

Esistono diverse strategie che potresti applicare lavorando su Facebook e vedere risultati degni di nota anche nel giro di poche ore.

Applicando le strategie del Marketing di Attrazione per esempio.  

Accedendo a questo video corso GRATUITO, verso la fine riceverai anche una lezione bonus in cui ti mostro 19 esempi concreti di come applicare il marketing di attrazione.

Ma in questo articolo mi voglio concentrare su alcuni aspetti più generali ma fondamentali.

Perchè è inutile imparare le tecnica se non conosci la strategia.

Quindi fai cosi, vai QUI  metti la tua email…  

e Riceverai subito per posta l’accesso al video corso…

poi torna a leggere l’articolo. Una volta letto ti guarderai con la calma i materiali video che ti regalo.

Quindi dicevo…

Il marketing di attrazione, non solo su Facebook, funziona perchè uno tra gli effetti che produce è proprio quello di far sentire il potenziale cliente/distributore completamente INFORMATO e di avere così la situazione sotto controllo.  

Riflettici. A chi piace comprare con gli occhi bendati?

Non vuoi essere ben informato prima di prendere una decisione d’acquisto?

Ecco… le persone NON compreranno da te prima di percepire di aver ricevuto TUTTE le informazioni di cui hanno bisogno.

Un’altra cosa molto importante…

Quando i potenziali clienti sono stati ben educati, si convincono completamente che la scelta l’hanno presa DA SOLI.

Ma attenzione!

Se vuoi vendere la tua opportunità di business NON basta dare valore e contenuti utili a random!  

Un’altra strategia che devi apprendere  è proprio quella di creare PIENA fiducia nei tuoi confronti.

Il motivo principale per cui Amazon vende molte più unità di un identico prodotto promosso su altri siti ecommerce è proprio la FIDUCIA – anche se sulla famosa piattaforma il prodotto costa di più.

Scrivi su Google “Reliable online shopping sites” e vedi cosa ti esce per primo.

La gente si fida ciecamente di Amazon, tanto da lasciare salvati i dati della propria carta  e acquistare con un semplice click ogni volta che desidera comprare qualcosa.

Dunque, se vuoi vendere l’opportunità di network marketing e allargare a macchia d’olio la tua downline…

Dovrai per forza passare per i seguenti 3 step…

 **Attrarre – Educare – Creare fiducia** 

E adesso entriamo un po’ più nei dettagli su questi 3 importanti passi per vendere la tua opportunità di network marketing.

 1. Attrarre  

Vediamo il primo punto…

Come vengono attratte le persone?

Il 99% dei networker, quando provano a vendere la propria opportunità di business, provano ad attrarre le persone sbagliate.

Ricorda:

>NON puoi attrarre chi non vuole essere attratto<

Se ci provi è un po’ come cercare oro nel Rio delle Amazzoni filtrando l’acqua con una mano.

Però…

Quando hai creato il tuo Personal Brand (puoi leggere questo articolo per vedere come fare) quando inizierai a divulgare i tuoi contenuti, scritti in maniera persuasiva come ti mostro in theNetworkFormula, inizierai a vedere le prime persone venirti dietro.

Insomma, all’inizio puoi soltanto decidere a chi parlare, scegliere il tuo cliente/distributore target.

E in questo breve corso, Cliente Perfetto, ti mostro, step by step, come fare questo importantissimo passaggio.

E come ti dicevo, una volta deciso il target, inizierai a lavorare sulla costruzione del tuo Personal Brand (anche questo deve essere fatto in funzione al tuo target) e poi inizierai a divulgare dei contenuti utili e applicare le altre strategie del Marketing di Attrazione.

E già se hai fatto le cose che ti ho detto fino a questo punto, avrai COMPLETAMENTE cambiato paradigma perchè…

non ti chiederai più “Come faccio a trovare gente interessata”… SARANNO LORO CHE CONTATTERANNO TE! 

Complimenti, a questo punto sarai uscito dal “Tranello-22”.

Ma attenzione, avrai vinto un’importantissima battaglia, ma se non vuoi ricascare nel tranello, dovrai vincere definitivamente la guerra.

Quindi andiamo avanti…

 2. Educare  

Facciamo finta che il tuo messaggio sia arrivato a Vincenzo.

Vincenzo è stufo del suo attuale lavoro e vorrebbe avere più tempo libero da dedicare alla propria famiglia.

Insomma, Vincenzo è completamente in target con il tuo messaggio e tu sei riuscito ad incuriosirlo.

Bravo!

A questo punto il tipico networker fa un salto di gioia e inizia a fare un bel SPIEGONЕ a Vincenzo…

Numeri, sistemi binari, unilevel, matching bonus, spillover e una marea di altri termini super tecnici.

Alla fine di Vincenzo decide che in fondo, ora come ora, non sta poi così male.

Ascoltami…

Anche se impara ad attrarre delle persone, se non impari ad educarle in modo graduale e usare a tuo vantaggio i giusti strumenti (a fare quello che in gergo viene chiamato Follow UP) la gente andrà in TILT, e volente o nolente, dovrà spegnere il cervello.

Il peggior modo per far uscire una persona dalla zona di comfort è quello di non farle capire una mazza.

Questo accade perchè il primo pensiero che passa in mente al tuo potenziale distributore è che se ti segue, da lì a breve, dovrà fare quello che stai facendo ora con lui.

Chi lascerebbe un lavoro sicuro per andare a fare qualcosa di super mega complicato?

Per questo motivo il potenziale distributore deve essere guidato ed educato a questa “nuova dimensione” del Network Marketing con estrema delicatezza.

Ma non solo, devi prenderlo per mano e condurlo nel tuo mondo, raccontandogli chi sei, quali siano i tuoi valori e perché dovrebbe seguirti.

E per fare questo puoi usare a tuo supporto una serie di strumenti separati o integrati fra di loro.  

Vediamone alcuni:

  • Email (impostando una serie email automatizzate da mandare con il tuo autoresponditore). Come software per mandare le email attualmente io ti consiglio GetresponseNella video guida Sponsorizzazione Semplicace ti mostro come settarlo e ti fornisco alcuni esempi concreti di sequenze di testo ipnotico ed emotivimante coinvolgente che potresti usare. Ti basta fare copia e incolla oppure riadattarli un pochino al tuo caso specifico.
  • Webinar live o registrato: magari tu e il tuo team avete fate un webinar settimanali e come ti dicevo, è molto importante che i contenuti del webinar vengano trasmessi in un determinato modo – senza annoiare e sovraccaricare di informazioni gli ospiti. In theNetworkFormula ho dedicato un’intera lezione a come dovrebbe essere fatto un webinar.
  • Video educativi: anche qui è molto importante che le informazioni siate servite in modo da creare sempre più interesse ed educare passo passo il visitatore.
  • Telefono: puoi educare il tuo potenziale distributore anche via telefono, via Skype o tramite WhatsApp
  • Cartoline Postali

 3. Creare FIDUCIA  

Una domanda che mi fanno molti miei clienti è…

“Petar, ma come faccio ad ispirare fiducia alle persone?”

Per fortuna ci sono diversi modi.

Ecco alcuni pilastri sui quali ti dovresti basare.

A) Testimonianze dei tuoi clienti e distributori soddisfatti.

Pensa a questo scenario:

Stai facendo una passeggiata con tua moglie/marito.

Si fa tardi, vi viene fame e decidete di cenare al ristorante.

Nella piazza in cui vi siete fermati ci sono due ristoranti:

Uno è semivuoto, e l’altro è pieno, a fatica si notano posti liberi.

Quale dei due ristoranti attira la vostra attenzione?

Il primo pensiero che fate è sicuramente…

“Se c’è tanta gente, vorrà dire che si mangia meglio dell’altro!”

Questo è il principio persuasivo della riprova sociale studiato a lungo da Robert Cialdini e come egli stesso afferma… siamo automaticamente portati a fare quello che fanno le altre persone.

Come usare la riprova sociale nel network marketing?

Ti suggerisco qualche modalità qui sotto:

1.  Usa le testimonianze dei tuoi clienti/distributori soddisfatti

Devi raccogliere e pubblicare ovunque sia possibile le testimonianze dei tuoi clienti soddisfatti che spiegano quale problema avevano prima di conoscerti, come lo avete risolto e i benefici/risultati che hanno ottenuto diventando tuoi clienti o collaborando con te.

La gente, vedendo le testimonianze dei tuoi clienti soddisfatti, accrescerà la loro fiducia nei tuoi confronti.

Non ti preoccupare se all’inizio della tua carriera non disponi di testimonianze “tue”, sfrutta quelle che ti hanno fornito le tue upline.

2. Mostra alle persone che si sono avvicinate a te come si svolge effettivamente business.

Potresti far vedere come tu o il tuo sponsor svolgete il vostro lavoro.

Esempio…

Stai per fare un seminario dal vivo?

Puoi girare un video in cui fai vedere come viene allestita la sala, fai vedere le sedie per gli ospiti e dici che non vedi l’ora che la serata abbia inizio.

3. Complimentati sui social network dei risultati raggiunti dai tuoi collaboratori/clienti

Un’altra strategia molto efficace consiste nel complimentarti pubblicamente con i tuoi distributori e clienti per ogni piccolo risultato che ottengono.

Come puoi vedere nell’immagine qui sotto…

… la networker americana Rachel Jackson si complimenta con due suoi collaboratori per aver raggiunto una qualifica in breve tempo.

Cosa possono pensare le altre persone su Facebook vedendo un post simile?

Penseranno… “Wow, Rachel è un’altruista. Aiuta le persone a raggiungere dei risultati ed è felice nel farlo”.

B) Usa dati e numeri specifici

Come affermano molti copywriter e come puoi leggere da questo articolo scritto dai ragazzi di Copyblogger , dati specifici trasmettono al tuo interlocutore che tu stai dicendo la verità.

Quindi, in generale, quando fai affermazioni di qualsiasi natura cerca di essere il più specifico possibile. 

Non dire “La mia azienda fattura più di 10 milioni di euro all’anno”… dì piuttosto la cifra esatta. 

L’anello di congiunzione per vendere la tua opportunità di business e uscire definitivamente dal “Tranello-22″…

Bene, ora che ti ho dato un quadro completo su come è possibile uscire dalla “Trappola-22” è ora di presentarti lo strumento principe che ti permetterà di non ricascarci mai più.

 Questo strumento è il BLOG  

Anche se ultimamente molti marketer fanno affermazioni del tipo…

“Il blogging è superato, ormai la gente sta solo sui social”.

E ci sono networker convinti che dicono di non creare un blog perchè non è facilmente duplicabile.

La realtà è che il blog è ancora lo strumento PERFETTO per Attrarre, Informare, Educare e creare Fiducia nei tuoi confronti.

Ma pensaci…

  • Grazie al blog puoi essere trovato da persone in target, lo stesso articolo che stai leggendo ora potresti benissimo averlo trovato dopo aver cercato qualcosa su Google. E’ come avere a tua disposizione degli operai silenziosi che lavorano per te GRATIS, notte e giorno, 24 ore su 24.
  • Puoi dare contenuti utili ai visitatori, informarli sui benefici della tua opportunità di business ed educarli al tuo sistema di credenze.
  • Il blog è lo strumento perfetto tramite il quale puoi veicolare la tua storia personale e pubblicare le testimonianze.

Potresti vedere il blog come il tuo quartier generale dal quale partono tutte le strategie per vendere la tua opportunità e tutti gli altri strumenti come le email, Facebook, Youtube, i webinar ecc… come gli avamposti.

E quando pian piano riempi il tuo blog i visitatori dello stesso, ti daranno fiducia.

Perchè…

Grazie al blog sarai percepito come un professionista capace di risolvere i problemi delle persone.

Pensaci… tutti possono creare in 3 minuti un profilo Facebook o Linkedin.

Ma quanti networker hanno un blog?

Te lo dico io… una piccolissima percentuale: se vuoi differenziarti devi solo far parte di quella percentuale! Un ambiente in cui tutti vendono la stessa opportunità e gli stessi prodotti, differenziarsi diventa sempre più fondamentale.

Ma ti do anche qualche dato scientifico…

Come sai le persone che nella vita fanno come mestiere quello di mettere in pratica in continuazione strategie per generare e fidelizzare clienti sono i marketer…

Secondo uno studio pubblicato su HubSpot, la creazione di contenuti per il blog rappresenta la priorità assoluta nella comunicazione aziendale per il 60% dei marketer.

 

 

Dunque, se il 60% dei marketer usa come strumento principale il blog, ci sarà un motivo.

So che molte persone che leggeranno questo articolo correranno subito ad aprirsi il blog, perciò ti do subito un consiglio…

Per partire con il blog avrai bisogno di un dominio e un hosting provider.

Puoi prendere entrambi le cose da Siteground.

E’ il provider che utilizzo da diversi anni e non lo cambierei per nulla al mondo. E’ super veloce e l’assistenza clienti è il top (supporto 24 su 24 in italiano).

Ad ogni modo, sappi che per chi non è pratico settare un blog non è facilissimo per questo ti consiglio, dopo che hai comprato il tuo hosting, di contattare un esperto o guardare qualche guida completa. 

Se fai parte della community N.M.M. e hai bisogno di qualcuno che ti aiuti in questo compito, puoi contattarmi su info@networkmarketingmanager.it

Bene siamo giunti alla fine di quest’articolo.

Capisco che uscire dal “Tranello-22” non è cosa facile.

Io stesso ne sono stato vittima per più di un anno e mezzo, in questo articolo ho cercato di mostrarti i passi principali da seguire per uscirne fuori e riuscire a vendere la tua opportunità di business.

Ricorda:

Chiaramente per motivi di spazio e di tempo non ho potuto sviscerare ancora di più le varie finezze.

E in theNetworkFormula ti mostro dettagliatamente come creare tutti gli step di cui ti ho accennato in questo articolo, sia che tu decida di lavorare Online, Offline oppure integrare entrambi “i mondi”.

Ci vediamo in aula virtuale!

Un carissimo saluto,

 

Peter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy